Skip links
Chi siamo

Borgo BiancoMatilde

Hospitality al Castello di Sarzano

Eventi - Borgo BiancoMatilde

Il Borgo BiancoMatilde

Progetto innovativo di hospitality

Borgo BiancoMatilde è un progetto innovativo di hospitality che trae linfa dalla storia del territorio circostante, per proiettare nel futuro il complesso medievale del Castello di Sarzano, in Emilia. Artefici di questo nuovo corso sono Luca Di Pietro e il socio Lorenzo Baricca, che hanno messo a punto un variegato format di iniziative per rispondere alle esigenze del Comune di Casina di mantenere vitali le molteplici valenze culturali, storiche, turistiche, enogastronomiche e ambientali di un insieme monumentale così evocativo. «Creare una storia che sia legata alle eccellenze del posto» è il proposito alla base di questo sito ricettivo articolato su più edifici, con il borgo quale punto focale, da cui si dirige lo sguardo rivolto al turismo internazionale.

Tre sono gli step attorno a cui ruota il programma dei due partner: un wine bar e un ristorante già aperti e, a seguire, un hotel con un raccolto numero di camere e una SPA. Scenario d’elezione per mostre, eventi, meeting aziendali e anche wine & food tasting, con svariati produttori e chef selezionati da Di Pietro e Baricca, è inoltre già oggi l’ex chiesa di San Bartolomeo. L’Italian Dream — società creata ad hoc dai due manager — intende mantenere intatte le suggestioni del passato e avvalersi delle peculiarità odierne; per questo motivo ha programmato anche attivazioni di partnership con associazioni e aziende locali, gestioni di tour enogastronomici, corsi di cucina professionali, e integrazioni con condotte Slow Food legate al Parco Nazionale dell’Appennino Tosco-Emiliano.

La ricerca di eccellenze non è incentrata solo sui luoghi o sulle materie prime ma si è allargata anche alle figure professionali, così l’Italian Dream team messo in campo dai due soci annovera, tra i protagonisti, un General Manager e Sommelier del calibro di Fernando Burani, brasiliano di nascita e italiano di adozione, e un cuoco professionista come Maichol Stefani. In questa falange appenninica la Storia ha la S maiuscola, perché Matilde di Canossa – prim’attrice nella penitenza inflitta all’imperatore Enrico IV da papa Gregorio VII – annoverava la rocca nel sistema castrense delle Terre Matildiche e, sempre qui, il Sommo Dante si ispirò alla Pietra di Bismantova per la descrizione del Monte del Purgatorio. Mentre oggi questo mosaico ecologico e culturale è entrato nella rete delle Riserve di Biosfera MaB Unesco, a riprova di quanto, qui, sia rispettoso il rapporto tra uomo e ambiente.

Chi Siamo - Sommelier Fernando Burani

Fernando Burani

General Manager & Sommelier

Chi Siamo - Founder Luca Di Pietro

Luca Di Pietro

Founder

Chi Siamo - Executive Chef Maichol Stefani

Maichol Stefani

Executive Chef

Prenota un tavolo