Skip links
Ristorante

Ristorante BiancoMatilde

Eccellenze italiane

Ristorante Borgo BiancoMatilde Dessert e Dolci
Ristorante Borgo BiancoMatilde Carne
Ristorante Borgo BiancoMatilde - Pasta

Il Ristorante BiancoMatilde

Aggregatore di eccellenze culinarie

Ai tempi gloriosi di Matilde di Canossa era un fabbricato rurale destinato alla fienagione, oggi il ristorante di Borgo BiancoMatilde è un autentico e al contempo innovativo aggregatore di eccellenze culinarie. Travi a vista e colonne portanti in pietra e mattoni di cotto cadenzano lo spazio della sala, dove l’ascetica compostezza della costruzione medievale si contrappone alla luminosità dagli arredi, con le scintillanti sedute Master Metal Gold di Kartell, ideate da Philippe Starck con Eugeni Quitllet, e l’illuminazione affidata ai lampadari Bloom di Ferruccio Laviani, firmati sempre Kartell.

Qui si possono degustare il tagliere del Castello, ma anche il risotto al tartufo bianco con carpaccio di gambero rosso; la tagliata di cervo con crema di tartufo e porcini e lo strudel vegetariano. Accanto a questi accenti di menù — che spazia anche dai tagliolini di rape rosse all’agnello — c’è la rivisitazione del Biancomangiare, una pietanza antica almeno quanto il Castello di Sarzano e che leggenda vuole sia stato servito all’imperatore Enrico IV e al papa Gregorio VII dalla Grancontessa, per suggellare lo storico incontro a Canossa.
Dal Medioevo è diventato un ricco dessert per addolcire animi e palati, che interpretiamo come una candida sbrisolona di mandorle alle cream cheese, guarnita di frutti, salsa al latte e cioccolato bianco.

Ristorante Borgo BiancoMatilde Dessert e Dolci

E poi, c’è anche l’omaggio al melograno, emblema di Matilde di Canossa nelle allegorie pittoriche che la raffigurano, che simboleggia la Chiesa unita e da lei protetta, mentre oggi è diventato un dolce al cioccolato rosso Ruby e, soprattutto, il simbolo del Borgo BiancoMatilde.

Prenota un tavolo